Quanto devo dimagrire calcolo


In sostanza una persona è grassa se ha una percentuale di massa grassa che supera un certo limite: semplice.Con una constatazione semplicemente pratica, si scopre facilmente che nelle società contadine a vivere più a lungo non sono gli uomini più muscolosi, bensì quelli più longilinei.Dovrebbe, infatti, essere a tutti abbastanza chiaro che il semplice riferimento al peso non dà nessuna reale indicazione sullo stato del soggetto; è piuttosto l’indicazione della sua massa grassa che può guidarci nutrizionalmente.Con questo atteggiamento si rischia di giudicare normali anche individui in sovrappeso.La percentuale di massa grassa Se si vuole tenere conto anche della muscolatura e della corporatura occorre riferirsi alla percentuale di massa grassa.Molto spesso, l’indice di massa corporea viene utilizzato come indicatore di peso forma, ovvero per la classificazione del sovrappeso e dell’obesità negli uomini e nelle donne adulti; questo utilizzo è molto forzato perché l’IMC, da solo, non può avere questa validità.Utilizzando l’indice di massa corporea, si scopre che nel caso dei due soggetti (culturista e sedentario) si otterrebbe lo stesso risultato (IMC = 24,49).

Ciò smonta tradizionali teorie come quella di Behnke che considerava una serie di dati antropometrici per la valutazione del peso ideale.Del resto, in alcune persone affette da sarcopenia (molte persone anziane lo sono, per delucidazioni sulla questione si consulti il nostro articolo Non ha cioè senso fissare limiti troppo “buoni” (il classico 25) per comprendere come magri anche individui pesanti, ma muscolosi.Gli esempi seguenti possono aiutarci a comprendere meglio il concetto.Invitiamo comunque a non esagerare con lo sviluppo della muscolatura: un culturista troppo muscoloso avrà grosse difficoltà a fare una lunga camminata in salita perché comunque il suo peso (muscoli e non grasso) sovraccarica il sistema cardiovascolare.Ma un uomo alto 170 cm che pesa 70 kg come deve essere considerato?